Mixvibes Cross 3.0 & CDJ Pioneer in HID – Recensione

Cross_HID_banner

Con la presentazione della versione 3.0 di Mixvibes Cross vengono rese note molte nuove caratteristiche del software della casa francese. Iniziamo con il vedere come si comporta collegandolo ai CDJ Pioneer ed il suo funzionamento col protocollo HID.

Sin dall’uscita della versione 2.3 di Cross, nel gennaio dello scorso anno, si è ricominciato a parlare del software della casa francese Mixvibes. In precedenza, seppur essendo un’ottima base sia per l’utilizzo in timecode che con i controller midi, questo software era “succube” della notorietà dei più blasonati Native Instruments Traktor e Serato DJ.
Questo perché proprio dalla release 2.3 Mixvibes (che ricordo sviluppa i software per Pioneer come “rekordbox”) ha introdotto il protocollo di comunicazione HID (Human Interface Device) che consente di gestire una notevole mole di dati in più rispetto al classico MIDI e, pertanto, invia anche le informazioni ai display dei CDJ Pioneer.
Pertanto, nello sviluppo del software Cross, Mixvibes ha implementato sia il protocollo HID che, con la versione 2.4, la gestione dei 4 deck oltre a quella del campionatore (sampler). Le release successive hanno riservato non poche novità: oltre ad un numero notevole di controller mappati nativamente (oltre 80 dei marchi più rinomati), funzionalità molto interessanti ed innovative come il “Mix in Harmony”. Grazie a questa funzionalità il software analizza i vari brani ed oltre a rilevarne il tempo (bpm), la durata ed i vari tag inclusi nel file, ne rileva anche la chiave armonica. In questo modo è possibile scegliere i brani seguendo questo schema per dei missaggi più armonici e piacevoli all’orecchio degli ascoltatori. E’ però anche possibile poter cambiare la chiave armonica di un brano per renderla compatibile con quello in esecuzione.
Nella versione 2.6, giocando in casa, Mixvibes rende compatibile, o meglio “collegabile”, la libreria di Cross con quella di Rekordbox; in questo modo le playlist già analizzate e preparate con i punti di CUE, i loop, ecc. di Cross, con la semplice pressione di un tasto sul programma possono essere importate direttamente all’interno di Rekordbox per poi essere utilizzate dal programma stesso od esportate su di una Flash drive USB per l’utilizzo diretto con i CDJ Pioneer compatibili.

E’ stato poi l’avvento della grande novità in casa Mixvibes: il plugin video. Questo è nato prima come un plugin aggiuntivo che permetteva di gestire due deck video, un titolatore ed un, seppure elementare, gestore di immagini.

Con la versione 3.0 il plugin video è stato incluso nel software principale, creando un pacchetto unico e, visto che era presente la funziona 4 deck e sampler, è stata implementata una funzione di campionatore video: così è possibile gestire fino a ben 16 sampler video da usare contemporaneamente ai due deck principali.
Le novità della versione 3.0 sono anche nella gestione grafica del programma; infatti ora le forme d’onda possono essere personalizzate potendo scegliere tra le classiche bicolore (Rosso e Giallo), la nuova forma d’onda colorata (come ora in voga) che ricalca quella già vista sui software di Serato, che mette in risalto le varie frequenze del brano, oppure la nuova “Nexus” che ricalca completamente quella presente sul nuovo Pioneer CDJ-900 Nexus.

Cross_HID_profile

Il funzionamento con i CDJ Pioneer

In questa prova ho usato due cdj Pioneer differenti, un CDJ900 ed un CDJ850 proprio per dimostrare la poliedricità di utilizzo senza nessun evidente problema.

Mixvibes Cross, a dispetto di altri software concorrenti, non ha bisogno di hardware dedicati per funzionare, pertanto è necessario solamente collegare i due cdj tramite due classici cavi usb al computer per essere subito operativi.

Cross_HID_Mac_USB

Con un Mac non è necessario installare driver od altro, basta solo creare una scheda audio aggregata (tutte le istruzioni a questo LINK o sul nostro Forum) ed il gioco è fatto.
Su PC è invece necessario installare i vari driver (che si possono scaricare gratuitamente sul sito di supporto PIONEER) e seguire le istruzioni incluse negli stessi per farli funzionare correttamente.

Una volta effettuati i collegamenti avremo i due cdj che replicheranno i loro comandi direttamente sul software come dei classici controller midi, con in più la possibilità di poter utilizzare il display con tutte le informazioni riguardanti le tracce, le playlist, il tempo trascorso e rimanente il pitch ecc…. Sui CDJ top di gamma, come il 2000 / 2000nexus, è possibile anche visualizzare la forma d’onda.

Cross_HID_CDJ900

Sia nel CDJ900 che nel CDJ850, utilizzati nella prova, tutti i comandi hanno risposto correttamente e fedelmente con una latenza impercettibile, anche il display ha riportato senza ritardi tutte le variazioni delle informazioni che il software gli inviava.

Cross_HID_CDJ-850

Anche utilizzando contemporaneamente due modelli di cdj differenti non ci sono stati problemi ed il software ha funzionato in modo egregio. Inoltre anche se la modalità nel cdj cambiava, utilizzando Flash Drive USB o CD Audio, il programma non ha avuto problemi nel riconoscere le periferiche a caldo nel cambiamento del loro stato.

Video Recensione

 Conclusioni

Con questa release 3.0 Mixvibes si è dimostrato un software maturo ed al pari dei più concorrenti più blasonati. Inoltre ha alcune frecce al suo arco che lo fanno preferire a quest’ultimi, come le funzionalità specifiche di interfacciamento con i cdj Pioneer, ad esempio la modalità “Slip”, una qualità audio a dir poco superba, un algoritmo del Master Tempo stupefacente per la qualità e la definizione, una gestione del mixer midi interno (con equalizzazioni selezionabili ed a scelta come quelle del Pioneer DJM-2000), la possibilità di poter gestire il DVS con periferiche collegate in timecode senza schede audio dedicate e, non ultimo, una gestione di qualsiasi formato audio e video.

Proprio del videomix, fattore di notevole importanza in questa versione, ne parleremo in un articolo dedicato illustrandone tutte le caratteristiche.

Mixvibes Cross è distribuito in Italia da MPI Electronic ed acquistabile sia presso i migliori negozi di attrezzature per dj che direttamente on-line sul sito di Mixvibes

Ringraziamenti

Goody Music di Roma per la disponibilità di sala prove e prodotto.

Recensione a cura di Sasa dj

Informazioni sul prodotto: sito ufficiale Mixvibes

Discussione sul forum: LINK