Arkaos GrandVJ – Recensione

grandvj_banner

GrandVJ risponde alle esigenze dei VJs più esigenti, dei DJ e anche dei musicisti, Visual artist, Film maker e altri dando la possibilità di una miscelazione-manipolazione di video e immagini in tempo reale.

700x438-images-stories-Arkaos-grandvj_boxCaratteristiche del software:
– Un software di manipolazione davvero potente ma facile da usare
Manipolare, mescolare e far andare a tempo i video, le stringhe di testo o far vedere l’immagine di più telecamere più o meno nello stesso modo in cui si mixa la musica per creare uno spettacolo visivo eccezionale.
GrandVJ può miscelare fino a 8 layer (strati), con una vasta libreria di effetti video generati automaticamente seguendo la musica.- Funziona con tutte le configurazioni
GrandVJ gira su PC e Mac e accetta tutti i comuni formati video e immagini. La sua interfaccia intuitiva permette di trasformare la tastiera in un super controller per comandare tutte le funzioni del software.
Hai bisogno di altro? GrandVJ incorpora un MIDI learn immediato e anche il nuovo protocollo Touch OSC disponibile per iPod e iPhone Touch. Provalo e inizia lo spettacolo!- Davvero facile
GrandVJ è molto facile da personalizzare; ogni utente potrà avere rapidamente il suo (o i suoi) setup preferiti. L’interfaccia può essere rapidamente modificata per soddisfare ogni esigenza. Grazie alle nuova modalità MIDI learn mappare un controller MIDI diventa un gioco da ragazzi ed è possibile anche importare i Preset per dei più comuni controller MIDI.- Supporta tutti i principali formati video
Sul lato della miscelazione video GrandVJ viene fornito con una versione aggiornata degli effetti presenti su ArKaos VJ e di una lunga lista di video generati automaticamente.
GrandVJ offre un ampio supporto per tutti i vari formati video, fra cui anche i formati di  immagini, testo, animazioni in flash e molteplici ingressi video provenienti da webcam e fotocamere.- Hai bisogno di alcuni filmati?
Il software di installazione che potete scaricare dal sito web www.arkaos.net viene già fornito con alcuni video loop per iniziare mente la versione acquistabile nei punti vendita oltre al software contiene anche un DVD-Rom con 2,8 GB di video ad alta qualità pronti per essere miscelati.
Questi video loop sono disponibili esclusivamente nella versione venduta in scatola e non possono essere acquistati separatamente; sono stati fatti soprattutto per VJing professionali e realizzati da famosi VJs e Artisti Visual  provenienti da tutto il mondo; per maggiori informazioni cercate nel sito di Arkaos i loro nomi.

– Alte prestazioni su PC e Mac
GrandVJ offre una elevata velocità grazie al supporto multi-thread adatto ai processori Dual/Quad Core e utilizza inoltre l’acceleratore hardware delle schede video non sovraccaricando in questo modo la CPU della propria macchina. Il motore grafico supporta anche schermi multipli e i video ad alta risoluzione.
Come tutti gli altri prodotti ArKaos, GrandVJ funziona su piattaforma PC e Mac.

Requisiti minimi di sistema:
PC:
* Sistema operativo: Windows XP o Vista.
* Processore: Pentium IV 2Ghz raccomandato
* RAM: 512MB, 1GB raccomandata
* Componenti multimediali: QuickTime 6.5.x (e successivi), Adobe FlashPlayerTM 9.0 (e successivi), DirectX 9.0c (e successive).

MAC:
* Sistema operativo Mac OS X 10.4 (e successivi).
* Processore: Ogni tipo di Intel Mac, G4/1Ghz (e successivi).
* RAM: 512MB, 1GB raccomandata
* Componenti multimediali: QuickTime 6.5.x (e successivi), Adobe FlashPlayer 9.0 (e successivi).

Indipendentemente dalla piattaforma PC o MAC:
* Scheda grafica: Acceleratore grafico 3D tipo: nVidia GeForceFX 5200 (e successive), Ati Radon 9200 (e successive), Intel GMA 950 (e successive), …
* Spazio libero necessario nell’Hard Disk: 80MB – 1.5GB in base alle opzioni di installazione.

Installazione dei programma:
Basta lanciare il file .exe per Pc o .dmg per Mac e seguendo le semplici istruzioni a video tutto procede senza problemi.
Una volta installato GrandVJ compare l’avviso che richiede l’inserimento del seriale che è specifico della macchina (Pc o Mac) nel quale avete installato il programma.

Il software è disponibile con licenza denominata “Single” che vi permette però di utilizzare GrandVJ su tre differenti computer. Nel caso abbiate necessità di più licenze esiste la licenza denominata “Volume” che vi permette di utilizzare GrandVJ su più di tre computer.
More info: http://support.arkaos.net/index.php?x=&mod_id=2&root=4&id=94

Se avete necessità di utilizzare il software su più computer potete tranquillamente utilizzare tutte le versioni DEMO che volete perchè non c’è alcuna limitazione temporale di utilizzo, l’unico limite è che sulla schermata in uscita compare sporadicamente una scritta “DEMO” che però vi permette comunque di settare il vostro software e di salvare le vostre variazioni sulla configurazione desiderata.
Tale configurazione potrà poi essere passata sul computer dove GrandVJ è registrato e pronto per essere utilizzato davanti al vostro pubblico.

Impostazioni e preferenze del programma:

grandvj_pref

Andando nel menu “File” alla voce “Preferences…” potrete settare i vari parametri di GrandVJ.
Il primo della lista è ovviamente il setup che vi permette di configurare lo schermo tv, monitor o proiettore che collegherete all’uscita secondaria della vostra scheda video.
E’ poi possibile assegnare il tipo di periferica Midi o OSC che vorrete collegare e definire il livello di risorse di calcolo disponibili, se magari avete un PC o MAC un po’ datati non settate le prestazioni al massimo o quantomeno fate molte prove prima di esibirvi in live per trovare il giusto compromesso.
Dalla ultima versione 1.1 è anche possibile scegliere se utilizzare come sfondo la comune skin bianca o la nuovissima skin nera (di cui noterete i print screen sotto), tale skin risulta molto  più rilassante per l’ occhio umano in caso di utilizzo prolungato del software.

Creazione del proprio set da uno dei template:grandvj_newAll’ avvio di GrandVJ è possibile scegliere se aprire l’ultimo file di setup utilizzato oppure se usare uno template preimpostati per la tastiera o per i controller midi più diffusi.
Con pochi click potrete avere gia pronto un setup adatto alla vostra configurazione.

Mappature della tastiera e dei controller MIDI e OSC:

700x420-images-stories-Arkaos-grandvj_midi_map

I template descritti sopra possono essere facilmente modificati oppure potete anche creare da zero un vostro template personalizzato in base al tipo di controller che possedete.
Grazie infatti al semplicissimo Midi Learn basta andare nel menu “Options” alla voce “Edit midi mapping” e tutti i comandi mappabili sul software si evidenzieranno come mostrato nell’ immagine sopra; basterà poi cliccare sul comando che si vuole mappare con il mouse, muovere poi di conseguenza il tasto o rotella sul controller e il comando desiderato sarà assegnato.
Anche i tasti della tastiera del proprio computer possono essere mappatati esattamente come se fossero quelli di un vero e proprio controller, basterà andare nel menu “Options” alla voce “Edit keyboard mapping”.
Oltre al protocollo MIDI GrandVJ gestisce anche anche il nuovo protocollo Touch OSC che vi permetterà di mappare anche un iPod o un iPhone Touch, esattamente come per il MIDI e la tastiera sempre nel menu “Options” troverete anche la voce “Edit OSC mapping”.

Impostazioni di visualizzazione:
Dopo aver impostato le preferenze è possibile configurare a nostro piacimento tutte la varie finestre di visualizzazione che GrandVJ ci mette a disposizione, basta andare nel menu “View”.
Per prima cosa è possibile impostare il programma in due modalità, la prima è chiamata “Mixer Mode” (molto simile a quella del primo software per VJ creato dal team di Arkaos che si chiamava appunto Arkaos VJ) e la seconda è “Synth Mode”, ma le due modalità le spiegheremo in un capitolo a parte sotto.
Sempre dal menu “View” potrete selezionare di nascondere (Hide) o disancorare (Extract) la zona “Matrix” centrale raffigurata con tanti quadrati e la zona “Keyboard” dove vedete riprodotti tutti i tasti di una comune tastiera midi.
Sia la zona Matrix che la zona Keyboard dispongono di 16 bancate (Bank) ognuna configurabile con effetti e video in maniera diversa dall’altra; queste 16 bancate possono poi essere cambiate al volo grazie al mouse o tramite un comando midi precedentemente assegnato.
E’ possibile inoltre decidere il numero dei quadrati (Matrix) in X e Y che volete visualizzare nello schermo.

grandvj_matrix_size
Anche le finestre o moduli non citati sopra possono essere allargati, disancorati e spostati in ogni punto dello schermo in modo da poter personalizzare al massimo la configurazione che si ha davanti.

Le celle: l’unità base di GrandVJ
Le celle sono l’unità base di GrandVJ, sono i contenitori che ci permettono di ospitare i video della nostra libreria (ma anche gli effetti, le scritte, gli input), e di assegnare a tali oggetti delle proprietà. Una volta che assegniamo un video a una cella, comparirà una piccola immagine al suo interno, che rappresenta un frame del video selezionato; se applichiamo un effetto a quella cella, un piccolo fulmine comparirà in alto a sinistra. In questo modo una volta creata una o più collezioni di celle da disporre in matrici o sui tasti della tastiera (come detto sopra, e come specificheremo più avanti) in base alla modalità scelta, si è pronti per attivarle e metterle in un certo senso in moto proprio per iniziare ad usare nel vero senso della parola il programma; di questo infatti parleremo nei prossimi paragrafi, ora spendiamo qualche altra parola sui parametri delle celle, raggruppati in quattro sezioni, Visual, Effect, Mixing, Position\Size.

La sezione Visual racchiude i parametri di come il filmato verrà visualizzato, la velocità di riproduzione (sia in forward che backward) fino al 400%, il posizionamento degli estremi (inizio e fine) del filmato, che può essere riprodotto in loop avanti, loop indietro, una sola volta avanti, una sola volta indietro, avanti e indietro.

grandvj_1_visual

La sezione Effect ovviamente permette di selezionare un effetto dalla rispettiva libreria e controllarne i rispettivi parametri.

grandvj_2_effects

La sezione Mixing consente di controllare i parametri di mixaggio, dalla trasparenza ovviamente in relazione alla modalità di combinazione con gli altri layer, che si può settare attraverso il parametro copy mode; il parametro masking permette invece di settare i valori cromatici e di luminosità, filtrando in base al range da noi impostato sulla sottostante barra dei colori; infine si possono pure alterare i singoli colori primari RGB attraverso le tre barre a destra.

grandvj_3_mixing

Infine la sezione Position/Size permette di settare la posizione e le dimensioni dell’oggetto contenuto nella cella: per quanto riguarda le due dimensioni, X e Y alterano ovviamente la posizione dei due assi cartesiani, mentre Z funge da zoom. Per quanto riguarda le tre dimensioni invece, è possibile ruotare nei tre assi l’oggetto, e pure imprimere una rotazione continua (cioè far continuare a roteare l’oggetto, in base all’angolazione che noi andremo ad assegnare): inoltre è possibile mantenere la bidimensionalità di un oggetto (plane), assegnargli una forma cubica (cube) o sferica (sphere). Infine è possibile settare il tiling, ossia la quantità di volte che l’oggetto viene ripetuto (o meglio moltiplicato ed affiancato) nello spazio tridimensionale.

grandvj_4_position-size

Considerazioni di utilizzo in modalità mixer:

700x421-images-stories-Arkaos-grandvj_mixer_mode

La modalità “Mixer” vi permetterà di gestire i vostri video su 8 livelli (layer) diversi, che potranno andare a mixarsi tra di loro proprio come gli altri programmi di mixaggio video, riuscendo a controllare individualmente in ogni momento i parametri di ogni livello. È la modalità che permette un uso più metodico del software, un approccio più ragionato al video mixing ma non per questo meno d’effetto e d’impatto per quanto riguarda il risultato finale. In questa modalità, le celle vanno attivate sui differenti layer, e come già detto i vari layer hanno proprietà separate, a partire dalla trasparenza: in questa modalità possiamo quindi attivare (che significa mantenere attivato in loop un video finchè lo vogliamo, tramite i tasti play e pause) e sovrapporre fino ad otto celle contemporaneamente. I parametri di ogni cella, possono essere modificati in qualsiasi momento, ma le modifiche verranno applicate soltanto dal momento in cui quella cella verrà caricata ed attivata su un layer; i parametri di ogni layer invece, come già detto, possono essere modificati in un qualsiasi momento sia tramite i comandi tradizionali, che con un qualsiasi midi controller che può essere mappato a proprio piacimento.

Considerazioni di utilizzo in modalità synth:

700x421-images-stories-Arkaos-grandvj_synth_mode

La modalità “Synth” è quella che vi permette di utilizzare il software per creare visuals come se suonaste uno strumento musicale (non a caso la funzione si chiama proprio “synth”); dopo aver adeguatamente riempito le varie celle con filmati ed effetti e definito le loro proprietà, potete accatastarle una sull’altra premendo simultaneamente i vari pulsanti assegnati del vostro computer o del vostro midi controller. È la modalità più immediata, e permette un uso del software molto rapido. Non a caso è la modalità di default che troviamo all’apertura di Grand VJ e che come già accennato va vista come se avessimo infiniti scaffali sui quali mettere le nostre celle (con i video o effetti al loro interno) una sopra l’altra, e finchè teniamo premuto un tasto corrispondente a quella cella (praticamente attiviamo quella cella), visualizzeremo solo ed esclusivamente il suo contenuto: praticamente a differenza del mixer mode, si ha un unico layer sul quale si possono cambiare ed alternare rapidamente i video delle proprie collezioni precedentemente preparate. Esistono ovviamente delle priorità che si posson impostare sulle varie celle: background, imposta il contenuto della cella sullo sfondo, foreground sempre in primo piano (utile se vogliamo magari visualizzare continuamente un logo o una scritta da mantenere sempre in primo piano mentre cambiamo le immagini sullo sfondo), normal non imposta nessuna priorità.

Manipolazione in real time di sorgenti video esterne:
GrandVJ permette di proiettare e manipolare fonti video esterne quali webcam , videocamere o video provenienti da schede di acqusizione.
Le immagini acquisite potranno essere infatti manipolate al volo applicando tutti gli effetti video disponibili, potrete anche miscelare le immagini di due o più fra webcam o telecamere e miscelare anche le immagini con altri video presenti nel vostro hard disk con una fluidità davvero notevole.

Strumenti utilizzati per la recensione:
GrandVJ versione 1.1 release candidate 1
Apple – MacBook Pro (serie Gennaio 2006)
PC Packard bell – Easy note V7908
Tastiera E-MU Xboard 25 Midi USB
Korg nanoKey Midi USB

Conclusioni:
I VJ potranno trovare molto interessante questo software che è davvero molto intuitivo e professionale allo stesso tempo.
Ci teniamo a precisare che questo non è un software di VideoMix dove poter mixare i classici video clip musicali da MTV, questo software lavora con sample video adatti a colorare una sala da ballo, i muri di un Pub e anche il classico maxischermo da concerto.
Per farvi un’ idea date un occhio al canale Youtube ufficiale del team di Arkaos all’indirizzo www.youtube.com/user/ArKaosTeam

Vi consigliamo di utilizzare PC o MAC abbastanza recenti e di controllare con cura i requisiti minimi richiesti dal software perché lavorare in real time manipolando video clip richiede una discreta potenza di calcolo.
L’unica pecca che abbiamo trovato è la mancanza di una finestra di preview delle varie singole celle (un singolo frame è molto riduttivo per riconoscere quale video è contenuto nella cella, e può generare confusione) ma abbiamo segnalato al team di Arkaos la cosa e ci hanno assicurato che introdurranno tale features in un prossimo update.
Uno dei punti pro invece è la notevole fluidità di utilizzo del software; una volta settato a dovere ed in base alle specifiche esigenze la fluidità si traduce in un risultato evidente durante appunto l’utilizzo del software.

GrandVJ  è commercializzato via internet dalla software house ARKAOS ed è disponibile online ad un prezzo di 279,00 Euro.

Ringraziamenti:
Arkaos Team – www.arkaos.net
Püz (Bedroom Boys) – DJs Management Vostok 1 Org. – www.vostok1.orgwww.bedroomboys.cjb.net

By Cioce & Püz DiJ