Xylio Futuredecks Pro 1.5.1 – Recensione

fdecksbanner

FutureDecks Pro è un software svliluppato in Romania che consente il mixaggio di file audio e video. Il software ci è stato gentilmente concesso nella sua ultima versione 1.5.1 dalla Xylio (www.xylio.com) che sentitamente ringraziamo. Ecco i risultati della prova realizzata da DiJ Hackid.

Con quest’ultima versione è stata aggiornata la veste grafica con una nuova skin che si presenta molto pulita e ben organizza le varie funzioni:

690x431-images-stories-Futuredecks-futuredecks

Come potete notare dalla precedente immagine la skin evidenzia diverse zone ben distinte, ognuna con le proprie funzioni e compiti.

Sezione Deck

deck sn

Qui troviamo tutte le funzioni più classiche: dal cue, al play, al sync fino ad arrivare alle funzioni di loop e pitch. Insomma le classiche funzioni che si ci aspetta di trovare su un deck.

Mixer ed effetti

mixerfx

Anche la zona mixer presenta le cose che ci si aspetta, con un ampio display centrale che ha il compito di visualizzare il video che andremo a caricare. Per il resto volume ed equalizzatore dei 2 deck, crossfader, crossfader video e zona effetti sono distribuiti sulla skin in modo chiaro e si possono facilmente raggiungere e gestire anche tramite mouse, viste le ampie dimensioni delle icone che le rappresentano.
Sempre a proposito di effetti, Xylio ha dedicato uno spazio apposito alla funzione filter con la possibilità di modularlo in base alle frequenze.

filtroadd fx

I 4 tasti che vedete sulla sinistra attivano altrettante funzioni e nello specifico (dall’alto verso il basso):
– Reset pitch
– picht bend+
– pitch bend-
– keylock

E’ inoltre possibile aggiungere ulteriori effetti e moduli VST usando l’apposito tasto “ADD FX”, mentre il tasto sottostante apre la sezione effetti nella parte più bassa della skin e ce ne mostra una panoramica, segnalandoci quelli già attivi (è ovviamente possibile attivarne diversi contemporaneamente).

Sezione sampler

Molto interessante la zona sampler  che da la possibilità di gestire i nostri campioni audio in modo davvero professionale. Infatti è possibile, oltre alla funzione base di “play sample”, registrarli al volo, metterli in loop, gestire la lunghezza del loop (dimezzandolo o raddoppiandolo) e gestire sia il suo volume che la sua velocità grazie ai 2 slider che potete vedere nell’immagine seguente:

690x179-images-stories-Futuredecks-sample

Sezione browser

Il browser è ben organizzato e ci mostra tutte le informazioni che possono essere utili ad un Digital Jockey: titolo, artista, BPM, genere, anno, solo alcuni dei TAG ben in vista e sono ovviamente tutti campi editabili. Anche il suo motore di ricerca è molto valido e ci basta digitare titolo o artista per avere i risultati quasi istantaneamente, addirittura man mano che digitiamo vengono visualizzate le tracce compatibili con il testo digitato fino a trovare il file che ci interessa.
Nella zona browser troviamo anche diverse funzioni che ci consentono di organizzare la nostra collezione musicale secondo i nostri gusti e criteri . Possiamo aggiungere cartelle, inserire i nostri brani preferiti, cancellarli o spostarli.

Non mancano neanche classiche funzioni come Automix , Random e Preview.
Insomma la sezione browser di FutureDecks PRO è davvero ben organizzata e possiede tutti i requisiti e le funzioni per farci trovare, organizzare , gestire e suonare i nostri file digitali.

Microphone & Master

microphonemaster

Ai lati della zona mixer troviamo questi 2 pannelli.
“Microphone” (a sinistra della zona mixer) mette in evidenza 4 funzioni :
– OnAir
– TalkOver
– Add FX
– Effects

Che rispettivamente ci consentono di:
– disabilitare il microfono
– attivare la classica funzione che abbassa il volume del master ogni volta che parliamo
– aggiungere effetti supplementari
– aprire un pannello nella parte inferiore della skin per la gestione degli effetti applicabili alla voce.

Accanto a queste 4 funzioni abbiamo l’equalizzatore del microfono con i classici alti, medi e bassi da gestire e regolare con le altrettanto classici potenziometri.

Il pannello “config” è composto da 3 sole finestre che però contengono tutte le opzioni che ci aspettiamo di trovare.

330x387-images-stories-Futuredecks-pannello general

330x390-images-stories-Futuredecks-pannello audiomidi

330x388-images-stories-Futuredecks-pannello video

Non mi dilungo con lo spiegare ogni singola opzione perchè trovo siano davvero di facile compresione.
Basta sapere che è possibile settare la skin, la scheda audio con relative uscite e latenza, i vinili timecode utilizzati e anche il MIDI controller utilizzato.
Rimanendo in tema MIDI segnalo un “MIDI LEARN” davvero intuitivo e di facile utilizzo:
Cliccato il tasto “Learn” , proprio sotto il tasto “Cfg” (config) nella skin ogni tasto mappabile viene evidenziato con una cornicetta blu. A questo punto basta cliccare su un tasto/funzione della skin selezionandolo e subito dopo premere un tasto del controller per assegnare a quel tasto la suddetta funzione. Davvero più semplice da fare che da spiegare scrivendolo.

690x446-images-stories-Futuredecks-immagine midi learn

Futuredeck Pro – Prova pratica:

La prova pratica ha messo in evidenza un buon motore di sync del software e di conseguenza un loop abbastanza preciso, ben quantizzato e molto reattivo. Devo segnalare qualche punto da migliorare, specie nella gestione dei file video: non è possibile, gestire il crossfader video e quello audio in modo indipendente. Infatti muovendo quello audio, quello video lo segue istantaneamente. Sarebbe bello riuscire a gestire audio e video separatamente.
Inoltre è disponibile una sola video transizione di defalut che sfuma l’immagine da un video all’altro.

A livello di stabilità nelle prove effettuate per diverse ore il software non è mai andato in crash in un sistema operativo non ottimizzato. Ha mostrato qualche incertezza nella gestione dei file video (ad esempio la perdita di fluidità attivando la funzione “reverse”). E’ stato testato anche in modalità controller esterno, nello specifico con un M-Audio Xponent che il software riconosce nativamente e in questo caso devo segnalare un mapping non completo e quindi il controller non è sfruttabile al 100%. Ovviamente in pochi minuti è possibile completarlo personalizzandolo secondo le proprie preferenze.

In definitiva FuruteDecks PRO si dimostra un software da tenere d’occhio, con un’interfaccia molto semplice ed un utilizzo molto immediato, con un motore di sync, funzioni di loop e degli effetti molto validi e precisi. Un motore di ricerca che non ha mostrato incertezze e un MIDI Learn intuitivo.
Sicuramente i margini di miglioramento ci sono e sono certo che le piccole imprecisioni verranno sistemate con le versioni successive. Abbiamo segnalato tali anomalie a Xylio e il loro team è già al lavoro per migliorare il tutto.

DiJ Hackid.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.