Digital Jockey

cdj900-banner

La prova del lettore multifunzione Pioneer CDJ-900 con RekordBox, il test con Serato Scratch Live (modalità HID-Advanced), Virtual DJ e Traktor Pro.

Oggi parliamo di un prodotto, il Pioneer CDJ-900, ormai ampiamente noto, presentato circa un anno fa insieme al fratello maggiore CDJ-2000. Le caratteristiche di questo prodotto sono note a tutti, la nostra recensione cercherà di spiegare meglio il funzionamento di questo lettore insieme a RekordBox ed effettuare una prova come controller insieme a Serato Scratch Live nella nuova modalità HID-Advanced, ma anche con Virtual DJ e Traktor Pro.

581x690-images-stories-pioneer-cdj-900-cdj900-001

Le caratteristiche generali del prodotto sono note, ma le ripetiamo per completezza d’informazione.
Si tratta di un lettore CDJ (non supporta la lettura dei DVD) con jog-wheel sensibile al tocco, 4 range di tempo del pitch slider, Master tempo, reverse, controllo dei loop con reloop ed autoloop, modalità Scratch Slip. Inoltre il CDJ-900 è anche lettore di files WAV,AIFF,MP3 e AAC su memorie di massa Usb con funzioni avanzate grazie all’utilizzo di RekordBox. Infine il prodotto della Pioneer è controller Midi-Hid per buona parte dei software per mixare in commercio, oltre ad avere una scheda audio integrata.
Insomma si tratta di un prodotto che si adatta a tutti gli usi.

690x534-images-stories-pioneer-cdj-900-cdj900-002

L’utilizzo del Pioneer cdj-900 insieme a RekordBox

L’introduzione del supporto di RekordBox è stata la novità più importante introdotta nei nuovi lettori multifunzione della Pioneer. Questo software permette di utilizzare questi lettori in modo più versatile, uscendo dall’uso dei normali cd-audio che nel tempo sta diventando sempre più limitante nei confronti delle molteplici funzioni dei software per mixare.
Di RekordBox abbiamo già parlato in un altro articolo (leggi qui), ma oggi proviamo a dare una visione più pratica del suo utilizzo. Caricare i files contenuti in una memoria di massa Usb all’interno di RekordBox vuol dire avere un’analisi precisa dei BPM di una singola traccia (molto più precisa rispetto ai lettori CDJ) ottenere il salvattaggio della waveform visualizzabile nei lettori CDJ-900 e 2000, poter salvare quanti punti di cue e di loop si vuole. Tutte queste informazioni, insieme a quelle presenti nei tag dei singoli files, saranno poi utilizzabili all’interno del CDJ-900.

690x368-images-stories-pioneer-cdj-900-cdj900-004

Il primo vantaggio è una ricerca molto più semplice delle tracce all’interno delle playlist create, ma anche la possibilità di avere già pronti i punti di cue e di loop precedentemente preparati, oltre ad una grande precisione dei loop automatici, che anche nelle frazioni di bpm rimarranno perfettamente a tempo. Inoltre i dati che si riferiscono ai punti di cue memorizzati o cancellati durante l’utilizzo con il CDJ-900 grazie ai tasti Memory e Delete verranno salvati automaticamente nella memoria di massa Usb, così che questi dati aggiornati saranno visualizzati all’interno della traccia una volta caricata in RekordBox.
Se utilizzando i CDJ-900 sarà possibile solo navigare e posizionarsi nei punti di cue salvati, nei CDJ-2000 sarà possibile anche richiamare al volo durante l’esecuzione 3 punti di cue. Purtroppo il CDJ-900 ha una visualizzazione della waveform non molto soddisfacente, cosa possibile solo con il CDJ-2000.
In definitiva possiamo dire che RekordBox rende molto più interessante e creativo l’utilizzo dei CDJ-900 con i files digitali rispetto all’uso con cd, in questo senso consigliamo di utilizzare questi lettori in modalità Usb per non rinunciare a funzionalità senza dubbio molto utili.

L’utilizzo con Serato Scratch Live, Virtual DJ e Traktor Pro

Con l’introduzione della nuova modalità HID-Advanced adesso è possibile utilizzare i CDJ-900 e 2000 in modalità nativa con Serato Scratch Live 2.1. Questo è possibile grazie al nuovo firmware 3.10 scaricabile liberamente dal sito ufficiale Pioneer. L’installazione del nuovo firmware è molto semplice ed in due minuti si porta a termine l’intera operazione. Una volta riavviato il lettore troveremo nel pannello di controllo la scelta se utilizzare la modalità HID-Standard o Hid-Advanced. Selezionata la modalità advanced, Serato Scratch Live identificherà il CDJ-900 in maniera nativa. Per quanto si parli di modalità Hid, ho potuto verificare una sovrapposizione di alcuni comandi Midi di un mio controller, quindi nel caso si voglia utilizzare il CDJ-900 insieme ad altri controller in Scratch Live è bene fare un controllo preventivo o cambiare il Midi channel del secondo controller. La prova con Scratch Live è stata senza dubbio positiva, lo scratch è molto preciso, (pitch e tempo range perfettamente configurati), i loop automatici funzionano correttamente (anche se la lista delle dimensioni dei loop è minore). L’unica cosa che stranamente non è utilizzabile è il salvataggio e la cancellazione dei punti di cue attraverso i tasti Memory e Delete: un vero peccato. Il display visualizza correttamente i dati delle tracce caricate con tutte le informazioni necessarie.Diciamo quindi che il funzionamento del CDJ-900 con Scratch Live è corretto, forse qualche dettaglio va migliorato, ma sono cose che verranno nelle prossime versioni di Scratch Live.

Anche Virtual DJ si avvale della modalità HID-Advanced (se non attiva il software consiglia di attivarla con un messaggio tramite finestra di dialogo) e il CDJ-900 viene riconosciuto automaticamente all’avvio. Anche in questo caso i comandi sono disposti ricalcando le funzioni del lettore ed il display visualizza tutte le informazioni desiderate. Il supporto della jog-wheel sensibile al tocco è molto buono i comandi sono molto reattivi. La scheda audio viene riconosciuta correttamente tramite i drivers scaricabili dal sito ufficiale Pioneer.

Quindi anche con Virtual DJ si può utilizzare il CDJ-900 con la massima soddisfazione e nulla vieta di crearsi una propria mappatura grazie al potente linguaggio di scripting di questo software.

Traktor Pro invece riconosce il CDJ-900 solo in modalità HID-Standard. Anche qui il riconoscimento è automatico all’avvio del software ed un file PDF spiega la distribuzione delle funzioni sulla superficie di controllo. Anche qui è possibile personalizzare la mappatura, nei prossimi giorni ne pubblicherò una made in DigitalJockey per sfruttare anche gli effetti e gli hotcues di Traktor Pro. La jog-wheel funziona correttamente, ma come da tradizione lo scratch in Traktor Pro non è mai stato mai ad un livello molto soddisfacente utilizzando un controller. Anche qui il display fornisce le informazioni desiderate e la scheda audio del CDJ-900 viene riconosciuta correttamente.Quindi anche in Traktor Pro è possibile utilizzare con soddisfazione questo lettore multifunzione, non sono stati rilevati particolari malfunzionamenti. 

Conclusioni

Il Pioneer CDJ-900 è un prodotto per professionisti che, nella tradizione Pioneer non mostra particolari difetti nell’uso, l’impressione di precisione generale è notevole. Ovviamente si tratta di un prodotto dal prezzo molto elevato e quindi bisogna fare le opportune considerazioni prima dell’acquisto. Quello che è possibile dire è che si tratta di un prodotto di ottima fattura ed anche nell’utilizzo con i software per mixare è molto efficiente e performante, anche se la mia impressione è che un prodotto del genere trovi il suo ambiente naturale di utilizzo con files digitali in memorie di massa Usb insieme a RekordBox.
Ringraziamenti: Clan della Musica di Grosseto (http://www.clandellamusica.it)

Review by CyberMix